martedì 5 marzo 2013

VITTORINO ANDREOLI :BRANI TRATTI DA "l'UOMO DI VETRO " (LA FORZA DELLA FRAGILITA')


La fragilita' è un valore umano, non sono le dimostrazioni di forza a farci crescere,
ma le nostre mille fragilita', tracce sincere della nostra umanita',
che di volta in volta ci aiutano nell'affrontare le difficolta',
nel rispondere alle esigenze degli altri con partecipazione.
La fragilita' è come uno scudo che ci difende dalle calamita',
quello che di solito consideriamo un difetto è invece  la  virtuosa attitudine
che ci consente di stabilire un rapporto di empatia con chi  ci è vicino.
Il fragile è l'uomo per eccellenza , perche' considera gli altri , suoi pari e non,
potenziali vittime, perche' laddove la forza impone, respinge e reprime,
la fragilita' accoglie, incoraggia e comprende.

Io sono tanto fragile da pensare sempre all'amore, nelle sue varie specificazioni, e sento la voglia di essere amato per poter amare: un circolo virtuoso per cui la voglia di amare coincide soltanto con l'essere amato: due fragilità si uniscono e si fanno forza dentro il segreto, nel mistero dell'amore.
Assieme all'amore esistono l'amicizia, la simpatia, la solidarietà: volti certo minori che però ne contengono l'essenza, il bisogno dell'altro.
La mia fragilità significa che ho bisogno dell'altro: di lei che si faccia parte di me senza confini e distinzioni, di chi mi possa aiutare con la voglia di mostrarsi amico poiché sa che io sento la voglia di esserlo per lui.




Nessun commento:

Posta un commento