venerdì 1 marzo 2013

POESIE ..........SOLITARIE............



Senza di te tornavo, come ebbro,
non più capace d'esser solo, a sera
quando le stanche nuvole dileguano
nel buio incerto.
Mille volte son stato così solo
dacché son vivo, e mille uguali sere
m'hanno oscurato agli occhi l'erba, i monti
le campagne, le nuvole.
Solo nel giorno, e poi dentro il silenzio
della fatale sera. Ed ora, ebbro,
torno senza di te, e al mio fianco
c'è solo l'ombra.
E mi sarai lontano mille volte,
e poi, per sempre. Io non so frenare
quest'angoscia che monta dentro al seno;
essere solo.(Pasolini)







Ha una sua solitudine lo spazio,
solitudine il mare
e solitudine la morte - eppure
tutte queste son folla
in confronto a quel punto più profondo,
segretezza polare,
che è un’anima al cospetto di se stessa:
infinità finita.(E Dickinson)








Ho sempre pensato a come saresti stata felice tra la gente,
invece la solitudine ti è stata compagna fino alla fine....
eppure hai donato amore infinito , sfidando assurdi ostacoli,
non ti sei fermata mai  davanti a nulla ed ora un pianto 
solitario si eleva dai cuori di chi non ha compreso.......(Anonimo)







Nessun commento:

Posta un commento