giovedì 24 gennaio 2013

LA PIOGGIA.............


Ascoltavo la pioggia
domandare al silenzio
quale fragile ardore
sillabava e moriva.

L'infinito tendeva
ori e stralci di rosso
profumando le pietre
di strade lontane.

Mi abitavano i sogni
odorosi di muschio
quando il fiume impetuoso
scompigliava l'oceano.

...Ascoltavo la pioggia...
domandare al silenzio
quanti nastri di strade
annodavano il cuore.

...E la pioggia piangeva...
asciugandosi al vento
sopra tetti spioventi
di desolati paesi. (Merini)











La pioggia ha un vago segreto di tenerezza,
una sonnolenza rassegnata e amabile,
una musica umile si sveglia con lei
e fa vibrare l'anima addormentata del paesaggio.
E' un bacio azzurro che riceve la terra,
il mito primitivo che si rinnova,
il freddo contatto di cielo e terra vecchi
con una pace da lunghe sere.
E' l'aurora del frutto, quella che ci porta i fiori
e ci unge con lo spirito santo dei mari.....(Garcia Lorca )













Nessun commento:

Posta un commento