domenica 30 settembre 2012

WILLIAM SHAKESPEARE

" Io desidero quello che possiedo,
il mio cuore ,come il mare,non ha limiti
e il mio cuore è profondo quanto il mare,
piu' a te ne concedo, piu'  ne possiedo,
perche' l'uno e l'altro sono infiniti. "

Drammaturgo e poeta inglese, fu soprannominato il " Cigno di Avon " ; la sua famiglia di origine viveva agiatamente ,si sposo' giovanissimo ed ebbe tre figli.
Poche le notizie sulla sua vita privata,ma sappiamo con certezza che scrisse 37 testi teatrali , 154 sonetti ed altri poemi.
Le sue opere sono state tradotte e rappresentate in tutte le lingue ed hanno fortemente influenzato il teatro e la letteratura successiva , i suoi monologhi non fornivano informazioni sui personaggi o i fatti accaduti , ma erano incentrati  ad esplorarne la mente .
Oggi è considerato uno dei piu' grandi rappresentanti della letteratura di ogni tempo, i temi ed i personaggi  delle sue opere sono il fulcro dell'espressione romantica e l' originalita' sta nell'aver saputo creare un equilibrio tra tragico e comico,arguzia e dialogo serrato.

"Amore non è amore che muta 
quando scopre mutamenti,
o a separarsi inclina,
quando altri si separa.
E' un faro irremovibile
che mira la tempesta
e mai ne viene scosso.
Esso è la stella di ogni perduta nave,
remoto il suo valore,
pur se il suo luogo noto.
Amore non soggiace al tempo,
anche se le labbra e rosee guance
cadranno sotto l'arcuata falce.
Amore non muta in brevi ore  e settimane,
ma impavido resiste 
fino al giorno del giudizio.
Se questo è errore,
e sara' contro me provato,
allora io non ho mai scritto,
e mai nessuno ho amato . "

1 commento:

  1. Grande.. lo adoro. Grazie a lui ho cominciato ad amare il teatro e la poesia quando ero una ragazzina

    RispondiElimina