domenica 16 settembre 2012

PEDRO SALINAS

" Al di la' di te ti cerco,
non nel tuo specchio
e nella tua scrittura,
nella tua anima nemmeno.
Di la', piu' oltre. "

Nacque a Madrid, si laureo' in lettere e filosofia,collaboro' con Diez- Canedo con cui tradusse poesie francesi.
Molteplici i suoi interessi, come legge,filosofia ,scrittura.
Insegno' all' Universita'  Sorbonna di Parigi, poi in Spagna, precisamente a Siviglia,vinse un concorso per la cattedra di lingue e letteratura spagnola.
Collaboro' con le piu' importanti riviste letterarie, pubblico' alcune poesie.
Insegno' anche a Cambridge e negli Usa.
Gli ultimi anni della sua vita li trascorse a Baltimora, dove si dedico' oltre che alla poesia, anche agli studi di critica,ai saggi, al romanzo e al teatro.
La sua opera poetica è divisa in nove libri.
Mori'  a Boston , fu sepolto nel cimitero di Santa Maddalena a San Juan de Puerto Rico,accanto al mare .



 
  
Tu vivi sempre nei tuoi atti.
Con la punta delle dita
sfiori il mondo, gli strappi
aurore, trionfi, colori,
allegrie: è la tua musica.
La vita è ciò che tu suoni.

Dai tuoi occhi solamente
emana la luce che guida
i tuoi passi. Cammini
fra ciò che vedi. Soltanto.

E se un dubbio ti fa cenno
a diecimila chilometri,
abbandoni tutto, ti lanci
su prore, su ali,
sei subito lì; con i baci,
coi denti lo laceri:
non è più dubbio.
Tu mai puoi dubitare.

Perché tu hai capovolto
i misteri. E i tuoi enigmi,
ciò che mai potrai capire,
sono le cose più chiare:
la sabbia dove ti stendi,
il battito del tuo orologio
e il tenero corpo rosato
che nel tuo specchio ritrovi
ogni giorno al risveglio,
ed è il tuo. I prodigi
che sono già decifrati.

E mai ti sei sbagliata,
solo una volta, una notte
che t'invaghisti di un'ombra
- l'unica che ti è piaciuta -
Un'ombra pareva.
E volesti abbracciarla.
Ed ero io.

Nessun commento:

Posta un commento