giovedì 20 settembre 2012

JACQUES PREVERT

" Questo amore cosi' violento,
cosi' fragile,cosi' tenero,
cosi' disperato.
Questo amore 
bello come il giorno ,
cattivo come il tempo...."

Jacques Prevert  nasce agli inizi del '900,trascorre in Bretagna la sua infanzia , le tradizioni di questa terra esercitano su di lui una grande influenza.
Ama la lettura ed il teatro, lavora con la Compagnia " Gruppo d' Ottobre" ,rappresentante del teatro sociale.
Scrive anche un'opera teatrale " La Battaglia di Fontenoy " , che viene rappresentata a Mosca durante l' Olimpiade Internazionale del teatro operaio , a cui partecipa anche come attore.
Alterna teatro,composizione di poesie e sceneggiatura di film..
Le sue poesie hanno alla base  il concetto dell' amore come salvezza del mondo, amre sofferto, implorato, tradito,ma sempre ricercato,l'amore spontaneo, libero e quindi vero.
Muore nel 1977 stroncato da un male incurabile.
La sua poetica è sempre attuale, personaggi,situazioni, problemi da risolvere, ricordi speranze.....sono chansons , parole da musicare.

I ragazzi che si amano si baciano in piedi,
contro la porte della notte.
 Ed i passanti  li segnano a dito,
ma i ragazzi che si amano 
non ci sono per nessuno.
Ed è la loro ombra soltanto che trema nella notte
stimolando la rabbia dei passanti.
I ragazzi che si amano non ci sono per nessuno,
essi sono altrove, molto piu' lontano della notte,
molto piu' in alto del giorno,
nell' abbagliante splendore del loro primo amore .

Nessun commento:

Posta un commento