domenica 23 settembre 2012

ELIZABETH SIDDAL

" Piu' di un miglio oltre la terra ed il mare,
il mio amore senza essere convocato 
ritorno' da me.
Io mi ricordo non delle parole che disse,
ma solo degli alberi che gemevano lassu' ."

Nacque a Londra nel 1829, da una famiglia di umili origini ; lavorava come sartina , quando conobbe i pittori preraffaeliti, di cui divento' la modella preferita e , in particolare, fu la modella fissa del pittore Dante Gabriel Rossetti, che sposo' e con cui studio' pittura.
Viaggio'molto per motivi di salute, la sua vita intima fu minata da varie delusioni e mori' giovanissima per una dose eccessiva di laudano ; lascio' una lettera di commiato, ma il marito la brucio' per non infangarne la memoria , altrimenti le sarebbe stata negata la sepoltura in terra consacrata, all'epoca, infatti il suicidio era considerato immorale ed illegale.
Tra i suoi capelli rossi , Dante nascose il quaderno che conteneva l'unica copia del manoscritto d'amore che le aveva dedicato; successivamente, pero' , volle recuperarlo per pubblicare le proprie poesie assieme a quelle della moglie.

Non piangere mai per un amore finito
perche' l'amore raramente è vero,
ma cambia il suo aspetto dal blu al rosso,
dal rosso piu' brillante al blu,
è l'amore destinato ad una morte precoce
ed è cosi' raramente vero.
Non mostrare il sorriso sul tuo grazioso viso
per vincere l'estremo sorriso.
Le piu' belle parole sulle piu' sincere labbra
scorrono e presto muoiono,
e tu resterai solo, mio caro,
quando i venti invernali si avvicineranno.
Se il piu' puro sogno d'amore fosse vero,
allora,amore,dovremmo essere in paradiso,
invece è solo la terra,mio caro,
dove l'amore non ci è concesso . 

Nessun commento:

Posta un commento